I Promessi Sposi

Lo spettacolo “I Promessi Sposi” di Massimiliano Finazzer Flory sono un caso unico nel panorama culturale italiano con oltre 50 rappresentazioni all’estero da maggio 2011 rappresentati con successo in oltre 15 Stati: Canada, Stati Uniti, Argentina, Turchia, Danimarca, Belgio, Gran Bretagna, Francia, Principato di Monaco, Svezia, Egitto, Australia, Mongolia, Cina, Giappone, Corea, Singapore, Hong Kong. Questo spettacolo basato sul romanzo di Manzoni è promosso e riconosciuto dal Ministero degli Esteri come opera di interesse nazionale.

Da Alessandro Manzoni. Lo spettacolo vuole rappresentare quell’identità italiana frutto di un popolo capace di restituire alla storia una cultura condivisa, e dire così qualcosa di umile ai dotti e qualcosa di dotto agli umili. In scena i capitoli I, VI, VIII, XII, XXI, XXXIV e XXXVIII offrono una duplice sfida. Anzitutto quella di far “sfilare” personaggi come Don Abbondio e i bravi, Don Rodrigo, Fra Cristoforo, Lucia, l’Innominato, Renzo e il popolo come figure shakespeariane, quasi ognuna dovesse duellare prima di tutto con se stessa. La seconda sfida intende mettere in luce in che modo la lingua di Manzoni, anche senza l’intervento della Provvidenza, continui a essere, oggi più che mai, polifonica, polemica e poetica, incredibilmente contemporanea, teatrale. Per ritrovare, così, fra musica, danza e parola il filo rosso dell’opera che risiede nello sguardo – partecipe e impietoso – con il quale lo scrittore osserva l’uomo, nella sua metamorfosi da individuo a folla. Per comprendere quanto la storia di ognuno sia parte, consapevolmente o no, della storia di tutti.

Durata: 80 minuti
Regista e interprete – Massimiliano Finazzer Flory
coreografie e interprete – Gilda Gelati
Testi di Alessandro Manzoni
Musiche di Verdi, Mascagni, Rota, Berio al violoncello
costumi della Sartoria del Teatro alla Scala

GUARDA I VIDEO parte 1parte 2

Calendario

Data Luogo

Calendario Date precedenti al 27 Febbraio 2021

Data Luogo